Vision

Download PDF

02-2015-14-01-2015-Vision

Crediamo che l’ascolto sia l’elemento centrale, la base di un efficace processo di comunicazione.

Molti, con stupore, ce ne chiedono conto: ma come, comunicare non richiede forse il “farsi ascoltare”? Come può dunque l’ascolto essere alla base di un processo che, per sua stessa natura, non lo richiede?

Osservazioni sensate, ma che non ci hanno mai convinto sino in fondo. La visione che abbiamo da sempre delle relazioni commerciali, meglio di partnership, pretende una adeguata comprensione dei bisogni del Cliente prima che ci sentiamo in condizione di poterci permettere di proporre qualcosa.

Una marcata convinzione, alla quale non riusciamo a sottrarci e senza la quale non possiamo avanzare alcuna proposta sensata, finalizzata a risolvere quel bisogno che abbiamo voluto con forza e convinzione ascoltare, seguendo con testardaggine, o forse solo ingenuità, l’idea di pensare l’informatica come uno strumento di assistenza, al servizio dei processi chiave dei nostri Clienti.

Ci troviamo spesso nel dubbio se chi sviluppa prodotti informatici, specie a livello internazionale, si pone il quesito se un qualsivoglia processo aziendale possa davvero trarre vantaggio dall’architettura del software offerto. Un atteggiamento che molto spesso hanno anche i fornitori informatici, il più delle volte concentrati a comunicare le funzionalità dei propri software, piuttosto che a comprendere le esigenze specifiche richieste dai processi aziendali dei potenziali Clienti.

Ecco, in un mondo che si evolve “alla velocità di internet”, investendoci quotidianamente con migliaia di informazioni, sembra che non ci sia più spazio per l’ascolto.

La nostra visione, invece, parte proprio da qui.

Da questo elementare passaggio, che ci consente di operare analisi dettagliate con le quali approntare progetti informatici utili, finalizzati ad evitare qualsiasi forma di disallineamento tra aspettative e risultati.

Resto in ascolto di eventuali commenti.